ITA

Biblioteca dell'Osservatorio Astrofisico di Torino

Il patrimonio della Biblioteca dell'osservatorio riflette in qualche modo tutti i trasferimenti che l'Osservatorio subì nel corso del tempo
Nacque infatti come raccolta privata di libri di padre Beccaria.
Con lo spostamento nel palazzo dell'Accademia delle Scienze e poi soprattutto con quelli successivi prima su Palazzo Madama e poi a Pino Torinese, si trasferiscono i volumi che servono per le osservazioni e per la ricerca scientifica: effemeridi, almanacchi, annuari, riviste scientifiche.
Rispetto ad altre biblioteche di osservatori con simili tradizioni storiche, possiede infatti un fondo storico di monografie meno importante, mentre ha una delle più vaste e complete collezioni di riviste scientifiche e pubblicazioni di enti e osservatori di tutto il mondo pervenute sia per acquisto che per scambio.
Il patrimonio bibliografico consiste in circa 15.000 volumi e oltre 1.300 periodici cartacei, di cui un centinaio con accesso online in full text.
Il posseduto copre i più importanti settori della moderna ricerca astronomica e astrofisica: fisica solare, fisica stellare, astrofisica extragalattica, mezzo interstellare, astrofisica ad alte energie, ottica e tecnologia.