ITA

Museo dell'Osservatorio Astronomico di Capodimonte

MuSA - Museo degli Strumenti Astronomici

I giardini delle stelle

"Il luogo è ben scelto, lontano dallo strepito della città,
isolato e rinchiuso in un ampio giardino con base ferma
e per natura e per arte, e con orizzonte libero [...]".


Con queste parole nel 1817, il teatino padre Giuseppe Piazzi esprimeva a re Ferdinando I delle Due Sicilie il suo giudizio favorevole sulla scelta del sito per l'Osservatorio Astronomico. L'ampio giardino che circonda l'edificio monumentale ha un'estensione di circa sei ettari. Di questi, quattro formano i giardini che circondano i vari edifici, mentre altri due sono affidati da oltre centocinquanta anni alle cure di due famiglie di coloni che vi coltivano la vite e varie specie di vegetali e di alberi da frutta. Infatti, il governo borbonico volle così dotare l'Osservatorio di una risorsa economica indipendente, capace di garantirne il sostentamento insieme agli introiti derivanti dalla vendita degli Almanacchi.