Starlight. L'eclisse totale di Sole del 1870

una nuova prospettiva per l'astrofisica italiana
"Ora vediamo come senza uscire dalla sua stanza
l’uomo di scienza possa anche determinare
quali sono i corpi che entrano nella composizione del Sole."
G.B. Donati


“STARLIGHT” presenta il contributo dato dagli astronomi italiani alla nascita dell’astrofisica, nel diciannovesimo secolo, con le prime analisi spettroscopiche della luce stellare. Tale contributo è per lo più sconosciuto alla gran parte del pubblico, malgrado diversi astronomi italiani, nella seconda metà dell’Ottocento, siano stati dei pionieri in questo campo: Angelo Secchi e Lorenzo Respighi a Roma, Pietro Tacchini a Palermo, Giuseppe Lorenzoni a Padova, Giovan Battista Donati a Firenze. A questi scienziati si devono risultati importanti, quali una prima classificazione spettrale delle stelle, la realizzazione di strumenti e metodologie per lo studio della luce stellare, lo sviluppo della fisica solare, la costituzione della prima società scientifica dedicata all’astrofisica, ecc. Le varie sezioni della mostra sono ospitate nelle sedi dove questi astronomi vissero ed operarono e “raccontano” il contributo dell’Italia allo sviluppo dell’astrofisica, attraverso il patrimonio storico-scientifico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, a cui oggi afferiscono gli Osservatori astronomici italiani: strumenti, libri e documenti di archivio, molti dei quali per la prima volta esposti e resi fruibili al pubblico.
Musei
Osservatorio Astronomico di Capodimonte
21 marzo 2016
ore 11