Filtro H-Alpha di Halle

 
ID SCHEDA15811
 
tipo di scheda
tipo di schedaPST
 
RELAZIONI
RELAZIONI DIRETTE
tipo schedaPST
codice bene454
tipo schedaAST
codice bene2228
 
 
OGGETTO
definizioneFiltro
tipologiaFiltro
denominazioneFiltro H-Alpha di Halle
 
DEFINIZIONE IN ALTRA LINGUA
definizioneFilter
tipologiaFilter
 
CRONOLOGIA
Datazione1950-1953
 
CATEGORIA
categoria principaleOttica
 
LOCALIZZAZIONE
istituzioneOsservatorio Astronomico di Capodimonte
denominazione raccoltaMuSA - Museo degli Strumenti Astronomici
 
LUOGO DI PROVENIENZA/ESECUZIONE
tipo di localizzazioneluogo di esecuzione/ fabbricazione
statoGermania
cittàBerlino
 
 
AUTORE
nome sceltoHalle, Bernhard
forma per la visualizzazioneBernhard Halle
ruoloCostruttore
 
DATI TECNICI
materia e tecnicavetro, metallo, sintetici
unità di misuracm
altezza26
larghezza23
lunghezza23
 
 
DATI ANALITICI
descrizione oggetto

Filtro H-Alpha passa-banda


funzione

per osservazioni della cromosfera solare


 
ISCRIZIONI
posizioneetichetta avvitata
trascrizione

B. Halle Nachf.



Berlin - Steglitz



Germany



filter N° 15


 
ANNOTAZIONI STORICHE
osservazioni

 Il filtro H-alfa fu sviluppayo in modo indipendente dagli astronomi Bernard Lyot a Pic du Midi e Yngve Öhman a Upsala. Il filtro è quindi indicato sia come filtro di Lyot-Öhmann sia come filtro di Lyot. 



È un filtro di interferenza a banda stretta, che consiste di lastre di cristallo birifrangenti. Trasmette solo una gamma spettrale ristretta, vale a dire la riga rossa H-alfa (656,28 nanometri) dell'idrogeno.



Il filtro era applicato a telescopio equatoriale di Dollond. Andrea Vassallo misurò nel 1959 il secondo contatto durante l'eclisse parziale di Sole del 2 ottobre.


 
 
BIBLIOGRAFIA
citazioneVassallo, Andrea, Determinazione fotografica degli istanti dei contatti della eclisse solare parziale del 2 ottobre 1959, in: Memorie SAIt, 1961, vol. 31, pp.415-425
 
COMPILAZIONE
Autore della schedaMauro Gargano