Obiettivo Aero-Ektar Kodak

 
ID SCHEDA468
 
tipo di scheda
tipo di schedaPST
 
RELAZIONI
RELAZIONI DIRETTE
tipo schedaPST
codice bene14701
tipo schedaPST
codice bene14679
tipo schedaPST
codice bene14739
 
 
OGGETTO
definizioneObiettivo fotografico
tipologiaObiettivo
denominazioneObiettivo Aero-Ektar Kodak
 
DEFINIZIONE IN ALTRA LINGUA
definizionePhotographic objective
tipologiaObjective
 
CRONOLOGIA
Datazione1943
 
CATEGORIA
categoria principaleOttica
altra categoriaAstronomia
 
LOCALIZZAZIONE
istituzioneOsservatorio Astronomico di Capodimonte
denominazione raccoltaMuSA - Museo degli Strumenti Astronomici
 
LUOGO DI PROVENIENZA/ESECUZIONE
tipo di localizzazioneluogo di esecuzione/ fabbricazione
statoStati Uniti d'America
cittàRochester
 
 
AUTORE
nome sceltoEastman Kodak
ruoloCostruttore
 
DATI TECNICI
materia e tecnicametallo, vetro
unità di misuracm
specifichediametro obiettivo: 8 ; distanza focale: 17,8
 
 
DATI ANALITICI
descrizione oggettoobiettivo ad alta rifrazione e bassa dispersione. Erano autentici concentrati delle soluzioni più avanzate. Ha una configurazione ottica simmetrica con un'aberrazione sferica e un astigmatismo trascurabili.
Ha un diaframma a iride da 2.5 a 16.
funzionedurante la seconda guerra mondiale erano usati dall'Aeronautica Americana, montati generalmente su macchine K24 e usati con bombe flash, per ricognizioni fotografiche notturne.
 
ISCRIZIONI
trascrizioneKodak Aero-Ektar f:2.5 7 in 178 mm 5x5 EM5847 Made in U.S.A. by Eastman Kodak Co. Rochester. N.Y.
 
ANNOTAZIONI STORICHE
osservazioniProgettato da Paul Rudolph nel 1896 sulla base dello schema di Gauss di obiettivi costituiti da due lenti a menisco, una convergente e l'altra divergente, questo obiettivo fu probabilmente ceduto all'Osservatorio di Capodimonte dal Comando Americano per il controllo aereo di stanza a Napoli.
Questo tipo di obiettivi furono usati anche a bordo della sonda spaziale Mariner IV, fotografando nel 1965 la superficie di Marte
 
 
BIBLIOGRAFIA
citazioneMariner 4 pictures of Mars, Allen, J. Denton, ... [et al.], Pasadena, Jet Propulsion Laboratory, 1967
 
COMPILAZIONE
Autore della schedaMauro Gargano