Luigi Volta

 
DATI BIOGRAFICI
NomeVolta, Luigi
Qualificazione anagrafica27 luglio 1876 - 7 ottobre 1952
Estremi cronologici1901 - 1952 - Torino, Milano
Qualificaastronomo
 
NOTIZIE BIOGRAFICHE
Notizie biografiche

Luigi Volta, pronipote del fisico Alessandro Volta, nacque a Como il 27 luglio 1876. Iniziò i suoi studi prima a Pavia e poi a Milano, per poi tornare a Pavia dove si laureò in Matematica nel 1898. Luigi Volta venne nominato assistente volontario nel 1901 da Francesco Porro, e alla partenza di quest’ultimo per Genova nel 1902 assunse temporaneamente l’incarico di direttore dell’Osservatorio torinese.

Lasciata la città sabauda a causa delle scarse possibilità di crescita professionale offerte dalla Specola subalpina, ancora ubicata a Palazzo Madama e dotata di strumentazioni ormai superate, si recò per un breve periodo ad Heidelberg per fare poi ritorno in Italia dove, dietro invito del senatore Celoria (direttore dell’Osservatorio di Brera), partì alla volta della Stazione astronomico-geodetica di Carloforte. Qui fu impegnato in osservazioni di latitudine finalizzate allo studio del moto dei poli terrestri. Nel 1908 abbandonò la Sardegna per recarsi all’Osservatorio di Brera a ricoprire un posto da assistente per poi ottenere, nel 1918, l’abilitazione alla libera docenza. Qui Volta si dedicò principalmente all’osservazione e allo studio di comete e di piccoli pianeti.

La prima guerra mondiale lo costrinse a interrompere tutti i lavori scientifici in quanto venne arruolato con il grado di tenente del Genio e inviato nel biennio 1916-1917 nel Basso Isonzo per poi essere trasferito all’aeroporto di Baggio (Milano) in una sezione di dirigibili fino al 1918.

Al termine del primo conflitto mondiale intraprese una ricerca geofisica sui tre laghi lombardi (Maggiore, Como e Lugano) e, in collaborazione con il collega Giovanni Silva, fu impegnato a determinare dapprima il collegamento gravimetrico fra la Stazione di Padova e l’Osservatorio di Brera a Milano, e in seguito il collegamento in longitudine delle quattro specole di Milano, Padova, Napoli e Genova. Per svolgere questo studio si servì per la prima volta della radiotelegrafia.

Passata nel 1922 la direzione di Brera a Emilio Bianchi che provvide immediatamente al rinnovo della strumentazione scientifica e al contempo progettò di erigere una nuova succursale, sorta poi a Merate, Volta tornò a occuparsi di astronomia pura dedicandosi, come già avvenuto oltre un decennio prima, all’osservazione di comete e pianetini.

Dal 1925 Luigi Volta si trasferì nuovamente a Torino dove divenne il titolare della cattedra di Astronomia presso l’Università e della direzione del nuovo Osservatorio di Pino Torinese, dove proseguì le sue ricerche avvalendosi di un equatoriale fotografico a corto fuoco e largo campo. Promosse campagne osservative volte all’individuazione sistematica di piccoli pianeti, condusse ricerche di statistica stellare e, nell’ambito dello studio della Luna, compì osservazioni di occultazioni stellari.

Alla fine del 1941 Volta ottenne il trasferimento alla direzione dell’Osservatorio di Milano-Brera e Merate, ottenendo che quest’ultimo divenisse sede del Centro di studio per l’Astrofisica siderale dove venne installato il primo laboratorio fisico moderno per gli studi di astrofisica.

Fu membro dell’Accademia delle Scienze di Torino e dell’Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, socio dell’Accademia nazionale dei Lincei e membro della Commissione Geodetica Italiana.

Luigi Volta morì a Milano il 7 ottobre 1952. 





Giovanni Silva ricorda gli ultimi giorni di Volta dicendo: «[…] Il sano aspetto e la vivacità di spirito del Volta ci lasciavano credere che per molto tempo ancora avremmo potuto godere della sua opera e della sua dedizione alla Società. Subdolamente lo attaccò invece un male che gli tolse lentamente le forze, senza tuttavia originare gravi timori. Mancavano soltanto pochi giorni all’inizio dell’VIII Assemblea generale dell’Unione astronomica internazionale, quando ricevetti una sua lettera che, per la semplicità tipica del suo stile e per la nitida calligrafia, in nulla differiva da tante altre precedenti che avevo da Lui ricevute. Vi era soltanto l’accoramento di dover rinunciare alla sua venuta a Roma, perché nemmeno l’aria e il riposo della campagna avevano mitigato l’esaurimento di cui soffriva. Tornato nella sua Milano con la speranza che cure più energiche potessero debellare il male, questo invece si acuiva e il 7 ottobre lo toglieva alla scienza da lui prediletta, al culto delle memorie avite, all’amore dei suoi cari».


 
ATTIVITA'
StatoItalia
LocalitàTorino
SedeUniversità di Torino
Periodo1925
QualificaTitolare della cattedra di Astronomia presso l’Università
StatoItalia
LocalitàTorino
SedeOsservatorio astronomico di Torino
Periodo1902
QualificaDirettore dell'Osservatorio di Torino
StatoItalia
LocalitàTorino
QualificaMembro dell’Accademia delle Scienze di Torino
StatoItalia
LocalitàMilano
QualificaMembro dell’Istituto Lombardo di Scienze e Lettere
StatoItalia
QualificaSocio dell’Accademia nazionale dei Lincei
StatoItalia
QualificaMmbro della Commissione Geodetica Italiana
 
 
BIBLIOGRAFIA
citazione completa

Calabrese Valeria, I direttori dell'Osservatorio, in Osservar le stelle. 250 anni di astronomia a Torino. La storia e gli strumenti dell'Osservatorio astronomico di Torino, Silvana, Milano 2009, pp. 51-71


citazione completa

Schiavone Luisa, Storia dell'Osservatorio astronomico di Torino attraverso le fonti bibliografiche ed archivistiche, Tesi di laurea, Università degli studi di Torino, Facoltà di Lettere e Filosofia, a.a. 1990/91


 
tipo di schedaAST