Luigi Carnera

DataTrieste, 14 aprile 1875 - Firenze, 30 luglio 1962
Nome completoCarnera, Luigi
Appassionatosi all'astronomia sin dagli studi ginnasiali a Trieste, si laureò in matematica a Pisa nel 1898.
Iniziò la carriera astronomica nel 1899 nella vecchia specola torinese... collocata sui tetti del Palazzo Madama interessandosi ai problemi di astronomia posizionale. Dal 1900 al 1903 andò a fare studi di perfezionamento ad Heidelberg, come assistente di Max Wolf, considerato come suo vero maestro. Dal 1903 al 1905 fu alla Stazione Internazionale delle Latitudini di Carloforte, e dopo un breve soggiorno presso l'Istituto geodetico di Potsdam fu chiamato ad Oncativo in Argentina per seguire la fondazione di una nuova stazione analoga a quella sarda.
Nell'autunno del 1908 feci ritorno in Europa, ed ebbe così termine il periodo della mia vita movimentata.
Insegnò dapprima astronomia presso l'Istituto Idrografico della Marina di Genova e, nel 1919, fu nominato direttore dell'Osservatorio di Trieste, occupandosi principalmente di cronometria ed effemeridi, meteorologia e sismologia. Nel 1932 fu nominato direttore a Napoli e tenne la carica fino al 1948. Tra il 1935 e il 1936 si dedicò al completo restauro del cerchio meridiano di Repsold sistemandolo in un nuovo padiglione in acciaio con apertura motorizzata, alla costruzione di un piccolo padiglione in legno per ospitare lo strumento dei passaggi di Bamberg e le nuove officine. Nel 1935 provvide anche alla costruzione di una cabina a temperatura costante per i pendoli fondamentali e fece costruire il regolatore di velocità dell'equatoriale di Dollond.
Quando nel 1943 l'Osservatorio fu occupato dalle forze alleate per impiantarvi una stazione radar, Carnera trasferì gli uffici di calcolo nella sua abitazione.
Persone correlate
Dettagli
Attività
Osservatorio astronomico di Torino, gennaio 1899 - 29 febbraio 1900, Assistente Volontario
Osservatorio astronomico di Torino, 1 marzo 1900 - 15 gennaio 1901, Assistente
Osservatorio di Heidelberg-Königstuhl, 16 gennaio 1901 - 30 settembre 1902, Assistente
Osservatorio Astronomico di Strasburgo, 1 ottobre 1902 - 31 ottobre 1903, Assistente
Reale Commissione Geodetica Italiana, 1 novembre 1903 - 31 luglio 1905, Astronomo
Commissione Geodetica Internazionale, 1 settembre 1905 - 31 agosto 1908, Direttore
Commissione Geodetica Italiana, 1 novembre 1908 - 31 marzo 1909, Direttore
Osservatorio Astrofisico di Catania, 16 maggio 1910 - 31 luglio 1911, Assistente
Istituto Idrografico della Marina, 1 agosto 1911 - 15 febbraio 1924, Professore di Astronomia e Geodesia
Osservatorio astronomico di Trieste, dicembre 1918 - 15 febbraio 1924, Direttore incaricato
Osservatorio astronomico di Trieste, 16 febbraio 1924 - 30 giugno 1932, Direttore
Osservatorio Astronomico di Capodimonte, 1 agosto 1932 - 2 novembre 1948, Direttore
Istituto Superiore Navale, dicembre 1932 - [1946?], Professore di Astronomia e Geodesia
International Latitude Service, 1 gennaio 1936 - 31 dicembre 1948, Direttore
Onorificenze
Astronomische Gesellschaft, 1903, Socio
Società Astronomica Italiana, 1911, Socio
Ordine della Corona d'Italia, dicembre 1912, Cavaliere
Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, gennaio 1919, Cavaliere
Società Astronomica Italiana, 1920, Socio
International Astronomical Union, 1920, Membro
Accademia Nazionale dei Lincei, 27 luglio 1932, Socio corrispondente
Accademia Pontaniana, 22 gennaio 1933, Socio Ordinario residente
Accademia delle Scienze Fisiche e Matematiche della Società Reale di Napoli, 10 marzo 1934, Socio corrispondente
Astronomische Gesellschaft, 10 luglio 1937 - 4 ottobre 1941 ?, Vicepresidente
Accademia delle Scienze Fisiche e Matematiche di Napoli, 15 novembre 1938, Socio Ordinario
Accademia Nazionale dei Lincei, 4 febbraio 1947, Socio nazionale
Autore schedaMauro Gargano