Obiettivo del rifrattore Merz

Data1880 - 1983
realizzato aMonaco di Baviera

Questo obiettivo, di 300 mm di diametro e 4500 mm di distanza focale, è un doppietto acromatico costituito, cioè, da due lenti una in vetro crown (la positiva) ed una in vetro flint (la negativa) calcolate in modo da correggere l’aberrazione cromatica e sferica. È montato in un bariletto di ottone con un sistema elastico di fissaggio delle lenti, in modo da compensare la differente dilatazione termica del metallo del bariletto e del vetro senza forzare sulle lenti.

Questo obiettivo acromatico fu acquistato da Alessandro Dorna nel 1880, per dotare l’Osservatorio di Torino di un telescopio che, anche se non tra i massimi dell'epoca, era comunque assai ragguardevole. Tuttavia una volta arrivato a Torino, l'obiettivo non poté essere impiegato subito in quanto, a causa delle ristrettezze economiche in cui versava l'osservatorio piemontese, Dorna dovette ordinare la montatura a parte richendendola al mecceanico dell'officina dell'Osservatorio di Padova Giuseppe Cavignato. Inoltre, il direttore dovette rassegarsi a collocare lo strumento nella sede storica dell’Osservatorio, sui tetti di Palazzo Madama, dove i torinesi videro spuntare un nuovo “cupolone”.Dorna ormai non più giovane, riuscì appena ad iniziare le osservazioni col nuovo strumento quando venne improvvisamente a mancare.
Nonostante la collocazione dell'Osservatorio nel centro città apparisse inizialmente come una collocazione conveniente, dopo mezzo secolo i criteri osservativi erano cambiati radicalmente e divenne necessario allontanarsi dalla città. L'artefice di tale trasferimento fu Francesco Porro, sucessore di Dorna. Il trasferimento risultò di difficile attuazione, sia per la ricerca di un luogo conveniente sia, soprattutto, per ottenere i fondi necessari all’impresa.  Porro si era già indirizzato verso le colline che circondano Torino, e installò una prima stazione osservativa sulla collina di Superga, approfittando dell’ospitalità concessagli dai proprietari dell’albergo allora esistente. In questa nuova sede, tuttavia, Porro utilizzo, per le sue osservazioni di stelle variabili, il rifrattore equatoriale Steinheil decisamente più maneggevole e di maggior rendimento. In questo modo il Merz rimase sottoutilizzato fino al suo trasferimento a Pino Torinese, ad opera di Boccardi nel 1912 dove tronò alla vita. Venne collocato in una nuova e più funzionale cupola e con la montatura meccanica revisionata e fu utilizzato con regolarità soprattutto per osservazioni extrameridiane di oggetti deboli.
Rimase in utilizzo fino al 1983, quando si fece ancora apprezzare per la ottima qualità ottica in una serie di misure di stelle doppie visuali.

Dettagli
Materia e tecnica
ottone - vetro
Misure
Obiettivo: Apertura 300mm ; focale: 4500mm
Categoria
Astronomia
Definizione
Obiettivo del rifrattore Merz
Autore schedaFederico Di Giacomo